Sai riconoscere il tuo tipo di pelle?

Come abbiamo detto più volte, essere a conoscenza della propria tipologia di pelle è la chiave per praticare una giusta igiene e per trattare specificamente le condizioni.

Con questo articolo voglio darvi delle dritte per aiutarvi a stabilire il vostro tipo di pelle, prendetevi tutto il tempo per osservarla e non saltate subito alle conclusioni.

Il mio consiglio è quello di osservarla tutte le mattine per una settimana ed esercitarsi a descriverla nei minimi dettagli.

Dopo aver raccolto le prime informazioni, iniziamo a notare come reagisce a stimoli esterni.


Iniziamo subito col dire che ci sono quattro principali tipi di pelle: normale, secca, mista e grassa.

Il tipo di pelle viene determinato da fattori genetici mentre la condizione della pelle può variare molto a seconda dei vari fattori interni ed esterni a cui è soggetta. Quest'ultima, a differenza della tipologia, può variare molto nel corso della vita.


Come riconoscere il tipo di pelle?


La pelle normale è una pelle ben equilibrata, la zona T potrebbe essere un po grassa ma in generale il sebo e l'idratazione sono equilibrati e la pelle non è ne troppo grassa e ne troppo secca.

La vostra pelle è normale se:

  • ha dei pori fini

  • vanta una buona circolazione sanguigna

  • ha una texture morbida e liscia

  • ha un colorito fresco e roseo

  • non ha imperfezioni( osti follicolari dilatati, comedoni, macchie scure, rughe, desquamazioni,

La pelle secca è una pelle che produce meno sebo della pelle normale, manca dei lipidi necessari a mantenere l'idratazione e per costruire una barriera alle aggressioni esterne.

Ci sono vari gradi di secchezza

La vostra pelle è secca se:

  • risulta sottile, tesa, fragile

  • appare ruvida

  • ha un colorito chiaro e spento

E' molto secca se:

  • diventa leggermente screpolata o presenta aree desquamate

  • appare ruvida e macchiata

  • può provocare leggero prurito

  • è più sensibile alle irritazioni, al rossore e al rischio di infezione

E' bene distinguere anche tra pelle secca alipica e disidratata: la prima manca di lipidi , la seconda manca di acqua.


La pelle grassa e a tendenza acneica è una pelle che produce un'elevata quantità di sebo.

Avete una pelle grassa se :

  • alla vista risulta lucida ed oleosa, talvolta disidratata, con arrossamenti e cicatrici da acne

  • al tatto risulta oleosa ed irregolare nella trama

  • ha dei pori dilatati e chiaramente visibili

  • risulta più spessa e pallida

  • i vasi sanguigni potrebbero non essere visibili

  • ha un colorito spento

Avete una pelle a tendenza acneica se:

  • presenta le tipiche lesioni (brufoli, microcisti, comedoni,macchie)

  • arrossamenti evidenti

  • eccessiva produzione di sebo causata da fattori ormonali

Anche in questo caso esistono due variabili, a seconda che il sebo risulti particolarmente liquido(pelle oleosa) oppure denso, ceroso e intrappolato nei follicoli( pelle asfittica)

La pelle oleosa appare lucida, con pori dilatati mentre la pelle asfittica è ruvida, secca al tatto e presenta comedoni aperti (punti neri) o chiusi ( punti bianchi).

L'azione dei batteri a livello follicolare, può scatenare reazioni infiammatorie, con formazione di papule e pustole, trasformando la pelle grassa in pelle impura a tendenza acneica .

La pelle mista è caratterizzata dalla presenza di zone grasse e zone secche

Avete una pelle mista se :

  • alla vista appare lucida nella zona della fronte, naso, mento

  • presenta spesso imperfezioni ( punti neri, pori dilatati)

  • alla vista le guance appaiono normali o secche


Come si stabilisce la condizione di pelle?

Abbiamo già detto che la condizione della pelle può variare nel corso della vita perchè dipende da fattori interni ed esterni. I fattori principali che determinano questa condizione sono il clima, l'inquinamento, farmaci, stress, fattori ereditari, sudore e fattori idratanti che la pelle produce, ma anche i prodotti che usi e le scelte di trattamenti che fai.

La condizione può essere valutata esaminando :

  • il grado di invecchiamento della pelle

  • il livello di idratazione

  • il grado di sensibilità e reatività della pelle

  • il livello di produzione di sebo

  • il colore della pelle

  • la presenza di infiammazioni

  • inestetismi vari ed eventuali

Capite ora perchè è importante conoscere la propria pelle e le sue reazioni ?

Ora come ora poi, è importantissimo avere delle conoscenze base.

I nostri suggeritori sono troppi, prendiamo per buone tutte le informazioni che ci propinano e non fissiamo l'attenzione su ciò di cui realmente necessitiamo.

Sviluppate la capacità di pensiero critico, è l'unica cosa che può realmente aiutarvi.

Ascoltate i consigli di tutti, le esperienze di tutti ma poi fai tu le tue regole.

Come?

Osservando la pelle e toccandola, esercitatevi a descriverla e definirla. Prendete appunti, scrivete, fatevi un diario, ripercorrete il vostro percorso.

Spero di avervi dato degli strumenti necessari per essere più consapevoli,

Eleonora.


45 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti